[Anteprima] Viaggiare con Dante

Una Divina Commedia di primo Quattrocento

Il manoscritto Barb. lat. 4112 è un esemplare rilevante per il suo peculiare apparato illustrativo.



Non nel mezzo, ma al limite / del cammino. / La selva / (la paura) / ... dura... / ... oscura. / La via / (la vita) / smarrita.

(Giorgio Caproni, Controcanto, da Il Conte di Kevenhüller, 1986)


Il manoscritto, di formato medio-piccolo e dalla pergamena ben lavorata, è un esemplare di Divina Commedia realizzato all’inizio del sec. XV (d.to 1419; ff. 2r, 207v) in area toscana; dalla accurata mise-en-page su un’unica colonna di scrittura che lascia perciò liberi ampi margini, a conferire eleganza all’insieme, esso è vergato da Iacopo di Filippo Landi da Socognano in una equilibrata textualis. Questi affida esplicita traccia di sé sia all’ex libris in apertura di codice (f. 2r) – [I]ste liber Dantes est mei Iacopi Filippi […] Scriptus mea propia manu […] sub annis Domini Millesimo quatrigentesimo decimo nono […] – sia a sigillo del testo dantesco (f. 207v).

ff. 2r, 207v, ex libris e sottoscrizione di Iacopo di Filippo Landi da Socognano

{
  "data": [
    {
      "manifestUri": "https://digi.vatlib.it/iiif/MSS_Barb.lat.4112/manifest.json"
    },
    {
      "manifestUri": "https://digi.vatlib.it/iiif/MSS_Barb.lat.4112/manifest.json"
    }
  ],
  "layout": "{\"type\":\"column\",\"address\":\"column1\",\"children\":[{\"type\":\"row\",\"address\":\"column1.row1\",\"children\":[{\"type\":\"column\",\"depth\":2,\"address\":\"column1.row1.column1\",\"value\":0,\"id\":\"04bf591e-bd96-4b3d-bc07-9ef2bfd9ba3c\",\"x\":3,\"y\":3,\"dx\":461.5,\"dy\":368},{\"type\":\"column\",\"depth\":2,\"address\":\"column1.row1.column2\",\"value\":0,\"id\":\"a1f28aa2-a4e7-4994-8661-b9b205dee73a\",\"x\":470.5,\"y\":3,\"dx\":461.5,\"dy\":368}],\"depth\":1,\"value\":0,\"id\":\"90002c62-e16d-41ab-beb6-17ce9cfadf8d\",\"x\":3,\"y\":3,\"dx\":929,\"dy\":368}],\"depth\":0,\"value\":0,\"x\":3,\"y\":3,\"dx\":929,\"dy\":368,\"id\":\"0ae2d97a-d636-4f42-8478-59672ed45e2a\"}",
  "mainMenuSettings": {
    "show": false,
    "buttons": {
      "bookmark": false,
      "layout": true,
      "options": false,
      "fullScreenViewer": true
    }
  },
  "windowObjects": [
    {
      "slotAddress": "column1.row1.column1",
      "viewType": "ImageView",
      "canvasID": "https://digi.vatlib.it/iiif/MSS_Barb.lat.4112/canvas/p0011",
      "loadedManifest": "https://digi.vatlib.it/iiif/MSS_Barb.lat.4112/manifest.json",
      "sidePanelVisible": false,
      "windowOptions": {
        "osdBounds": {
          "x": 527.4112251596146,
          "y": 1513.6906198005386,
          "width": 1271.0379241516962,
          "height": 918.8888888888887
        }
      }
    },
    {
      "slotAddress": "column1.row1.column2",
      "viewType": "ImageView",
      "canvasID": "https://digi.vatlib.it/iiif/MSS_Barb.lat.4112/canvas/p0424",
      "loadedManifest": "https://digi.vatlib.it/iiif/MSS_Barb.lat.4112/manifest.json",
      "sidePanelVisible": false,
      "windowOptions": {
        "osdBounds": {
          "x": 740.738345040074,
          "y": 1185.6752371629664,
          "width": 1120.0733532934134,
          "height": 809.7500000000002
        }
      }
    }
  ],
  "windowSettings": {
    "availableViews": [
      "ThumbnailsView",
      "ImageView",
      "ScrollView",
      "BookView"
    ],
    "viewType": "ImageView",
    "bottomPanel": true,
    "bottomPanelVisible": true,
    "sidePanel": true,
    "sidePanelOptions": {
      "toc": true,
      "annotations": false,
      "tocTabAvailable": true,
      "layersTabAvailable": false,
      "searchTabAvailable": false
    },
    "sidePanelVisible": true,
    "overlay": true,
    "canvasControls": {
      "annotations": {
        "annotationLayer": true,
        "annotationCreation": true,
        "annotationState": "off",
        "annotationRefresh": false
      },
      "imageManipulation": {
        "manipulationLayer": true,
        "controls": {
          "rotate": true,
          "brightness": true,
          "contrast": true,
          "saturate": true,
          "grayscale": true,
          "invert": true,
          "mirror": false
        }
      }
    },
    "fullScreen": true,
    "displayLayout": false,
    "layoutOptions": {
      "newObject": true,
      "close": false,
      "slotRight": true,
      "slotLeft": true,
      "slotAbove": true,
      "slotBelow": true
    }
  }
}

Sufficientemente noto alla storiografia dantesca per gli aspetti codicologico-paleografici (cfr. da ultima Mazzanti, Barberiniano Latino 4112, pp. 491-492, con bibliografia), è stato invece pochissimo considerato dagli studi storico-artistici (Brieger - Meiss - Singleton, Illuminated Manuscripts I, p. 327; Talamo, Scheda nr. 6.9, p. 233), pur essendo sotto questo profilo un esemplare tutt’altro che trascurabile, sebbene il suo corredo illustrativo non sia particolarmente ampio.

Il commento figurato al poema è infatti tutto concentrato agli incipit di Inferno, Purgatorio e Paradiso (ff. 8r, 75r, 141r), con le pagine di apertura costruite sul dialogo tra il riquadro miniato e l’iniziale ornata. La narrazione per immagini diviene perciò imprescindibile elemento introduttivo agli argomenti delle tre cantiche, condensati con un efficace procedimento di aggregazione visiva e con alcune peculiarità iconografiche che vale la pena di sottolineare. L’ordinator dell’impianto figurativo, colui cioè che lo ha predisposto, ha infatti pensato il corredo illustrativo come vera e propria guida al lettore nella quale, allo snodo tra una cantica e l’altra, fosse enucleato in figura un compendio delle tematiche affrontate.

Un’organizzazione che trova la sua evidenza soprattutto a f. 8r, ad apertura dell’Inferno: la selva oscura, le tre fiere e l’apparire di Virgilio di Inf. I convivono con Minosse, giudice infernale, di Inf. V; la porta infernale di Inf. III, che reca – così come nel codice – la celeberrima sentenza «Lasciate ogni speranza, voi ch'intrate» (v. 9), ricorda nella fortificazione fiammeggiante anche la città di Dite, che trova posto nel VI cerchio e che è protagonista di Inf. VIII-XI, abitata da diavoli intenti al supplizio dei dannanti e presidiata alla sua sommità da una strana specie di furia – così nel dettato dantesco –, ma che nel Barb. lat. 4112 ricorda tuttavia nell’aspetto le arpie di Inf. XIII.

Una peculiarità abbastanza evidente è inoltre la nudità di Virgilio: nella tradizione illustrativa della Commedia, fin da tempi precoci – e anche successivi – egli appare vestito, spesso con un abito che lo rende riconoscibile in tutto il codice, come accade peraltro a Dante (tra gli altri esempi, per mss. dei secc. XIV e XV conservati in Biblioteca Vaticana: Ott. lat. 2358, Reg. lat. 1896. pt. A, Urb. lat. 365, Urb. lat. 378, Vat. lat. 4776; per alcuni degli esemplari del sec. XIV conservati altrove: Milano, Biblioteca Trivulziana, ms. 1080; London, British Library, Egerton 943; Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana, It. IX, 276 [=6902]). È forse possibile che tale scelta visiva nel Barberiniano voglia sottolineare la differenza 'di status' tra i due poeti: il Fiorentino si muove nell'oltretomba con il suo corpo umano − ed è perciò coperto dagli abiti −, mentre il Latino è già da tempo uno spirito ospitato nel Limbo.

ff. 8r, 75r: Inferno e Purgatorio, nudità di Virgilio

{
  "data": [
    {
      "manifestUri": "https://digi.vatlib.it/iiif/MSS_Barb.lat.4112/manifest.json"
    },
    {
      "manifestUri": "https://digi.vatlib.it/iiif/MSS_Barb.lat.4112/manifest.json"
    }
  ],
  "layout": "{\"type\":\"column\",\"address\":\"column1\",\"children\":[{\"type\":\"row\",\"address\":\"column1.row1\",\"children\":[{\"type\":\"column\",\"depth\":2,\"address\":\"column1.row1.column1\",\"value\":0,\"id\":\"ded4e4e8-54a8-4170-8398-6251aa6d76d6\",\"x\":3,\"y\":3,\"dx\":461.5,\"dy\":368},{\"type\":\"column\",\"depth\":2,\"address\":\"column1.row1.column2\",\"value\":0,\"id\":\"5d124e7a-2e52-475c-b6f0-666bbb4ef5dc\",\"x\":470.5,\"y\":3,\"dx\":461.5,\"dy\":368}],\"depth\":1,\"value\":0,\"id\":\"4af2442b-c448-44f2-b1c8-94230bc665e4\",\"x\":3,\"y\":3,\"dx\":929,\"dy\":368}],\"depth\":0,\"value\":0,\"x\":3,\"y\":3,\"dx\":929,\"dy\":368,\"id\":\"992379c3-a596-4dc5-96c4-450620d5cf6d\"}",
  "mainMenuSettings": {
    "show": false,
    "buttons": {
      "bookmark": false,
      "layout": true,
      "options": false,
      "fullScreenViewer": true
    }
  },
  "windowObjects": [
    {
      "slotAddress": "column1.row1.column1",
      "viewType": "ImageView",
      "canvasID": "https://digi.vatlib.it/iiif/MSS_Barb.lat.4112/canvas/p0023",
      "loadedManifest": "https://digi.vatlib.it/iiif/MSS_Barb.lat.4112/manifest.json",
      "sidePanelVisible": false,
      "windowOptions": {
        "osdBounds": {
          "x": 551.6348468840918,
          "y": 822.7609738768775,
          "width": 898.5990419643975,
          "height": 649.6365368314043
        }
      }
    },
    {
      "slotAddress": "column1.row1.column2",
      "viewType": "ImageView",
      "canvasID": "https://digi.vatlib.it/iiif/MSS_Barb.lat.4112/canvas/p0157",
      "loadedManifest": "https://digi.vatlib.it/iiif/MSS_Barb.lat.4112/manifest.json",
      "sidePanelVisible": false,
      "windowOptions": {
        "osdBounds": {
          "x": 470.45352174054545,
          "y": 895.240890719208,
          "width": 870.9120000000001,
          "height": 629.6203636363638
        }
      }
    }
  ],
  "windowSettings": {
    "availableViews": [
      "ThumbnailsView",
      "ImageView",
      "ScrollView",
      "BookView"
    ],
    "viewType": "ImageView",
    "bottomPanel": true,
    "bottomPanelVisible": true,
    "sidePanel": true,
    "sidePanelOptions": {
      "toc": true,
      "annotations": false,
      "tocTabAvailable": true,
      "layersTabAvailable": false,
      "searchTabAvailable": false
    },
    "sidePanelVisible": true,
    "overlay": true,
    "canvasControls": {
      "annotations": {
        "annotationLayer": true,
        "annotationCreation": true,
        "annotationState": "off",
        "annotationRefresh": false
      },
      "imageManipulation": {
        "manipulationLayer": true,
        "controls": {
          "rotate": true,
          "brightness": true,
          "contrast": true,
          "saturate": true,
          "grayscale": true,
          "invert": true,
          "mirror": false
        }
      }
    },
    "fullScreen": true,
    "displayLayout": false,
    "layoutOptions": {
      "newObject": true,
      "close": false,
      "slotRight": true,
      "slotLeft": true,
      "slotAbove": true,
      "slotBelow": true
    }
  }
}

L’esecuzione dell’apparato decorativo si deve probabilmente a due diversi maestri. Se una prima proposta fu quella di assegnare all’uno i riquadri miniati e all’altro le iniziali decorate (Brieger - Meiss - Singleton, Illuminated Manuscripts I, p. 327; in generale, seppure molto risalente, cfr. Volkmann, Iconografia Dantesca, p. 19), oggi tale impostazione è stata sfumata in favore di una compresenza dei due, probabilmente coadiuvati da una bottega abbastanza strutturata e aperta a diverse suggestioni stilistiche (Talamo, Scheda nr. 6.9, p. 233). Pur nell’insieme visivamente omogeneo, un maestro (ff. 8r, 75r) richiama da un lato i modi di Mariotto di Nardo di Cione (Talamo, Scheda nr. 6.9, p. 233; per il miniatore in generale, cfr. Chiodo, Mariotto di Nardo, pp. 91-104; Tommaso del Mazza, pp. 949-950) con forti imprestiti, formali e iconografici, dal linguaggio giottesco declinato con l’accento del primo Quattrocento (Talamo, Scheda nr. 6.9, p. 233) e dall’altro qualche nota, soprattutto nell’incipit al Purgatorio (f. 75r), riconducibile all’idioma bolognese di Nicolò di Giacomo. Le iniziali e l’illustrazione al Paradiso sono invece da assimilare al magistero di Lorenzo Monaco (Talamo, Scheda nr. 6.9, p. 233; per tale artista, cfr. Kanter, Lorenzo Monaco, pp. 399-401; Fachechi, Lorenzo Monaco; Lorenzo Monaco, passim, tutti con bibliografia).


In questa mostra, per altri esemplari manoscritti di Divina Commedia illustrata, cfr. Urb. lat. 365; per le incisioni, cfr. Stampe IV.3, Casimiri II.2.


[a cura di Eva Ponzi]