Paleografia Latina dall'Antichità al Rinascimento [di A.M. Piazzoni]

Pap.Vat.lat.6

Informazioni sul manoscritto

Resource type:
Manuscript
Collection:
Pap.Vat.lat.
Segnatura:
Pap.Vat.lat.6
Biblioteca:
Biblioteca Apostolica Vaticana
Datazione:
sec. VI-VII
Datato:
c. 600 (590-602 ?)
Data inizio:
576
Data fine:
625
Paese:
Italia
Regione:
Italia centrale
Localita:
Ravenna
Materiale:
papiro
Altezza:
2600
Larghezza:
310
Exhibit Tags:
Corsiva nuova

Descrizione

Altro nome:
Maffei, Scipione, marchese, 1675-1755 [owner]
Scrittura:
corsiva nuova e scrittura personale greca
Scrittura - Nota:
Sette mani: lo scrittore, "Bonus tabellio civiatis Ravennatis", rr. 1-66, 115-126, il testes et chronista Armatus, rr 67-75 e cinque testimoni rr. 76-114.
Lingua:
Latino.
Alfabeto:
Latino.
Storia:
Scipione Maffei acquistò questo papiro a Venezia poco prima del 1727 e lo cedette alla Vaticana nel 1740.

Informazioni amministrative

Fonte:
Chartae Latinae Antiquiores XXI, 717.

Testo del curatore

Il Pap. Vat. lat. 6 è un istrumento originale, scritto su papiro, proveniente da Ravenna. Il documento è la donazione del fundus Balonianus, fatta da Sisevera, liberta di Teudifara, alla Chiesa di Ravenna, per la quale il diacono Bonus stipula l’accordo. È interessante sotto il profilo paleografico poiché rappresenta uno degli esempi più maturi dell’utilizzo della corsiva nuova romana. Il documento include una parte in scrittura corsiva greca ed è scritto a più mani, sette in tutto: quella della completio del tabellione Bonus, quella del testes et chirocrista Amatus, e quelle dei cinque testimoni che firmano la sottoscrizione. Attualmente il papiro è datato con certezza intorno al 600, sia sulla base di criteri paleografici sia perché i nomi degli imperatori bizantini sui quali si giura alle rr. 44-46 sono molto probabilmente quelli di Mauricius e Theodosius (590-602).

Il papiro fu acquistato da Scipione Maffei nel 1727 per poi essere ceduto alla Biblioteca Vaticana nel 1740.

Il brano trascritto ed annotato è alle rr. 21-42.

 

Bibliografia

FERRARI, La donazione, pp. 468, 471-473; TJÄDER, Die nichtliterarischen, pp. 344-352; ChLA, XXI, tav. 717; CHERUBINI - PRATESI, Paleografia, p. 83, tav. 20Ulteriori citazioni bibliografiche.

Descrizioni interne

1r

Documento di Ravenna

Locus:
1r
Titolo supplito:
Documento di Ravenna
Nota:
Sisevera, gota, dona alla chiesa di Ravenna parte del fundus Balonianus.
Lingua:
Latino.
Alfabeto:
Latino.
Fonte:
Chartae Latinae Antiquiores XXI, 717.