Paleografia greca dall'Antichità al Rinascimento [di T. Janz]

Vat.gr.218

Informazioni sul manoscritto

Resource type:
Manuscript
Collection:
Vat.gr.
Segnatura:
Vat.gr.218
Biblioteca:
Biblioteca Apostolica Vaticana
Datazione:
sec. X
Data inizio:
901
Data fine:
1000
Materiale:
membr. (ff. 203-205 chart.)
Altezza:
256
Larghezza:
175
Numero fogli:
II. 207
Contenuto:
<Anthemii Tralliani fragmentum et Pappi Alexandrini conlectionis, scholia marginibus adscripta>.

Descrizione

Collazione:
<Quaterniones 25>
Scrittura - Nota:
Ff. Iv. IIr. 206. 207 vacua.
Decorazione - Nota:
Tituli et subscriptiones, unc. parvis, partim ea videntur manu exarata, quae ut plurimum figuris litteras adpinxit.
Legatura:
Membr.
Legatura -Nota:
In dorsa scuta Pii IX et A. Maii card. byblioth. Membranarum acies aurata.
Segnature di fascicoli:
Quaternionum 25 (ff. 1-2 ex alio sunt libro vix recentiore desumpta, ut etiam demonstrant. linearum numerns diversus, litterae inclinatae, atramentum flavum) notae graecae ab ipso librario adpictae angulo sup. ext. primae singulorum paginae, omnes, marginibus glutinaloris ferro decurtatis, effluxerunt (quam vides f. 11r non est litterula ζ', ut prima fronte credideris, sed cauda illa qua litteras numerales librarius subnotare consuevit). Quaterniones signati fuerunt etiam (saec., opinor, XV) in marg. inf. extremae singulorum paginae dextrorsum, numeris romanis, et in angulo inf. int. paginate primae, numeris arabicis.
Nota:
Codex, ex quo reliqui Pappi Anthemiique libri quotquot huc usque innotuerunt pendent, eleganter scriptus est; figurae adcuratissime delineatae. [...] Leguntur in marginibus, praeter scholia a librario coaequali adposita, conplura additamenta paullo serioris aevi. Notulae vero, quae imis in ff. 53v. 55v. 90v. 98v. 106v. 170v. 186v. 202v rectum fasciculorum ordinem, olim turbatum, restituunt, viro cuidam studioso tribuendae sunt saec. XVI, nomine Zachariae (f. 202v ζαχαρίας διωρθώσατο καὶ τοῦτο). [...] Summo f. Ir manus saec. XVIII-XIX scripsit "sȩc. XII", quae nota in errorem induxit Westermann, scriptores rer. mirab. p. xviii, et Fridericum Hultsch, Pappi Al. collectionis reliquiae I p. VII. IIv πίναξ manu saec. XVII-XVIII, quem latine conplevit Hieronymus Amati: notulam addidit de conlectionis fragmenti libri ll editione Oxoniensi an. 1688 "Sp"(ezi Iosephus). 1r imo marg. antiquior codicis nota "n° 152" (corr. "218").
Altro nome:
Amati, Girolamo, 1768-1834 [glossator]
Lingua:
Greco.
Alfabeto:
Greco.

Informazioni amministrative

Fonte:
I. Mercati, P. Franchi De' Cavalieri, Codices Vaticani graeci, I: Codices 1-329, Romae 1923, p. 283.

Testo del curatore

Il Vat. gr. 218 è il testimone principale che tramanda l’opera Synagoge di Pappo di Alessandria: i primi fogli del manoscritto, aggiunti successivamente, riportano invece parte dell’opera di Antemio di Tralle. Il codice è acefalo: mancano i due fascicoli iniziali contenenti tutto il primo e buona parte del secondo libro. L’opera di Pappo è scritta interamente da una mano, secondo Canart la stessa del Parigi, Bibliothèque nationale de France, Gr. 451 ovvero quella del copista Baanes, mentre una seconda mano interviene nel testo e verga le carte iniziali con l’opera di Antemio.L’origine è forse orientale anche se sembrerebbe che entrami i testi abbiano avuto scarsa circolazione a Bisanzio.

La storia antica del codice può essere seguita in maniera abbastanza vaga. Forse faceva parte già nell’XIII sec. della collezione papale, oggetto del lavoro di Guglielmo di Moerbeke che l’aveva portato dall’oriente. Il manoscritto fu posto insieme agli altri nella della biblioteca papale quando fu spostata ad Assisi poiché compare nell’inventario del 1327. Secondo l’Heiberg avrebbe fatto parte della collezione dell’Aurispa; tuttavia il manoscritto non compare nell’inventario fatto dopo la morte (1459) anche se lo studioso non esclude che potrebbe essere stato venduto prima. Entrò a far parte della collezione privata dei Medici a Firenze come testimoniato nell’inventario del 1472 allestito da Giano Lascaris. Sul suo ingresso nella Biblioteca Vaticana abbiamo poche notizie. Sappiamo infatti che i manoscritti della medicea giunsero a Roma durante il pontificato di Leone X Medici e che tuttavia fecero ritorno a Firenze durante il pontificato di Clemente VII; tuttavia per il Vat. gr. 218 è possibile ipotizzare che sia giunto a Roma negli anni a cavallo tra il 1518 e 1533 e che qui sia rimasto.

I fogli trascritti sono i seguenti: ff. 90v-91r e 98v-100r, Pappus Alexandrinus, Synagoge IV, IX-XIII e VI, XXIX-XXXII (cfr. Pappus Alexandrinus, Pappi Alexandrini collectionis quae supersunt, 2, instruxit di F. Hultsch, Berlin 1877, lib. VI, p. 488, l. 21 – p. 492 l. 27 e p. 528, l. 24 – p. 538, l. 4). Si annota il f. 100r.

 

Bibliografia

Archimedis Opera omnia, p. LXXXII; GRANT, Henricus Aristippus, p. 668; UNGURU, Pappus, pp. 310-319; PERRIA, Γραφίς, pp. 83-84. Biblioteca Apostolica Vaticana e Pinakes.

Descrizioni interne

1r-2v

Anthemius, περὶ παραδόξων μηχανημάτων

Locus:
1r-2v
Autore:
Anthemius, m. c. 534 [internal]
Titolo supplito:
περὶ παραδόξων μηχανημάτων
Titolo uniforme:
Peri paradoxōn mēchanēmatōn (Anthemius, m. c. 534)
Nota:
(F. 1) Anthemii Tralliani fragmentum περὶ παραδόξων μηχανημάτων.
Lingua:
Greco.
Alfabeto:
Greco.
Fonte:
I. Mercati, P. Franchi De' Cavalieri, Codices Vaticani graeci, I: Codices 1-329, Romae 1923, p. 283.

3r-205v

Pappus Alexandrinus, Synagoge

Locus:
3r-205v
Autore:
Pappus Alexandrinus, sec. IV [internal]
Titolo supplito:
Synagoge
Titolo uniforme:
Collectio (Pappus Alexandrinus, sec. IV)
Nota:
Pappi Alexandrini conlectionis (f. 3) libri II fragmentum; - (f. 8) lib. III; - (f. 31) lib. IV; - (f. 56) lib. V; - (f. 87v) lib. VI; - (f. 118v) lib. VII; - (f. 184v) lib. VIII (p. 2-1134 Hultsch). Scholia marginibus adscripta sunt, quae ex hoc cod. ed. Hultsch p. 1166-1188. In ff. 203-205 chartaceis loca non nulla folior. 171-176. 180. 182. 183 madore et situ evanida vir quidam doctus saec. XVI rescripsit. In marg. sup. dextro f. 203 legitur nota autographa "Vide etiam Cod. MS. Urbin. Grȩc. n. 72 fol. 83. Elias Baldus".
Lingua:
Greco.
Alfabeto:
Greco.
Fonte:
I. Mercati, P. Franchi De' Cavalieri, Codices Vaticani graeci, I: Codices 1-329, Romae 1923, p. 283.