Paleografia greca dall'Antichità al Rinascimento [di T. Janz]

Vat.gr.124

Informazioni sul manoscritto

Resource type:
Manuscript
Collection:
Vat.gr.
Segnatura:
Vat.gr.124
Biblioteca:
Biblioteca Apostolica Vaticana
Datazione:
sec. X ex
Data inizio:
976
Data fine:
1000
Localita:
Costantinopoli
Materiale:
membr.
Altezza:
335
Larghezza:
253
Numero fogli:
I (chart.). 304
Nota generale:
Polybii historiarum.

Descrizione

Collazione:
Quaterniones 38
Impaginazione:
coll. 2
Scrittura - Nota:
Codex, omnium qui Polybii historiar. libros I-V continent antiquissimus, flavo atramento eleganter exaratus est ab Ephraemo quodam monacho, ut docet subscriptio f. 304r [...]. Folium 8, recentius subpletum, lineis scriptum est plenis, atramento subviridi, charactere parum adcurato. <Librarius> idemque textum emendavit, correctiones et (perraro tarnen) coniecturas suas marginibus adscribens. Alias correctiones manus tres quattuorve addiderunt, quarum vetustissirna librarii fere aequalis.
Decorazione - Nota:
Tituli litteris uncialihus rubris distinguuntur; primo, qui et auro renidet, parva superinponitur πύλη, quae dicitur, auro minioque picta. Auro et minio ornata est etiam littera initialis libri I, quattuor reliquae rubro tantum colore tinctae sunt.
Legatura -Nota:
Tegumenti dorsum scuta prae se fert Pii IX et A. Mai card. byblioth.
Segnature di fascicoli:
Litteris graecis uncialibus librarius ipse signavit in angulo inf. int. primae et postremae singulorum fasciculorum paginae [...].
Nota:
Singulae columnae versus conplectuntur, ut supra notatur, 30; singuli versus, litteras 19-21. Folium 8, recentius subpletum, lineis scriptum est plenis, atramento subviridi, charactere parum adcurato. [...] F. Ir continet indicem graecum Allatianurn; Iv vacuum est. [...] In facie codicis ima litt. unc. scriptum legitur πολυβιος.
Altro nome:
Mai, Angelo, card., 1782-1854 [owner]
Pius PP. IX, b., 1792-1878 [owner]
Lingua:
Greco.
Alfabeto:
Greco.
Colophon:
<f. 304r>: Πολυβίου ϊστο|ριῶν: ε′ | εὐτυχῶς | χρῶ | ἐγρά(φη) χειρὶ ἐφραὶμ | μο(να)χ(οῦ) | μ(ηνὶ) ἀπριλλίωι ε′ ἰνδ. ε′.
Storia:
304v possessoris notam praebet "Iste liber est Anthonii" (sequitur rasura), manu saec. XV. Codicem ex bybl. Nicolai V mutuatus est card. Ruthenus: «Item unum librum Polibii in pergameno forme folii historiographus, Historia comunis» (Müntz-Fabre p. 341).

Informazioni amministrative

Fonte:
I. Mercati, P. Franchi De' Cavalieri, Codices Vaticani graeci, I: Codices 1-329, Romae 1923, p. 154.

Testo del curatore

Il Vat. gr. 124, noto anche come Polibio Vaticano, è il più antico manoscritto che tramanda le Historiae. Scritto su due colonne in una minuscola di tipo “Efrem” dal nome del monaco copista attivo a Costantinopoli, così come riportato nella sottoscrizione al f. 304r, il manoscritto non presenta l’anno di copia ma solamente il giorno (5), il mese (aprile) e l’indizione (quinta). Diverse sono state le ipotesi circa la datazione, Diller e poi Ziegler hanno proposto il 947, anno in cui verrebbe a cadere la quinta indizione; tuttavia la Perria afferma che il Polibio Vaticano può essere stato copiato tra il 947 e il 962 (anno in cui cade di nuovo la quinta indizione). Le ipotesi di datazione del manoscritto si ricavano da un confronto stilistico con gli altri codici attribuiti allo stesso copista: il codice del monte Athos Vatop. 949 dell’anno 948 e il Marc. gr. 201 nel 954; altri codici, non datati, ma scritti dalla stessa mano sono l’Athous Laur. B. 64, il Marc. gr. IV, I, l’Urb. gr. 130, l’Athen. gr. I e il codice Veteris Palatii I (GI I) di Istanbul, oltre al celebre Tetravangelo Athous Stauronicet. 43, al Genavens. gr. 30 e al Laur. Plut. 28. 03. Il manoscritto è attualmente privo di un foglio, il f. 8, sostituito e scritto con una grafia del XV sec.

Il codice faceva parte della biblioteca dei manoscritti greci di Niccolò V come risulta dall’inventario del 1455.

I fogli trascritti sono i seguenti: ff. 180r-185r, Polybius, Historiae III, CXVIII, 11 - IV, VII, 10 (cfr. Polybius, Polybii historiae,1-2, retractavit T. Büttner-Wobst, Lipsiae 1882-1889, pp. 361 e 1-10). Si annotano i ff. 180r, 185r e 304r.

 

Bibliografia

DILLER, Note, pp. 184-188; ZIEGLER, Polybius, coll. 1572-1574; IRIGOIN, Pour une étude, pp. 177-209; MOORE, The manuscript, pp. 10-11; FOLLIERI, Codices, pp. 26-27, tav. 16; PERRIA, Γραφίς, pp. 84-86; CRISCI – DEGNI, La scrittura greca, p. 145. Biblioteca Apostolica Vaticana e Pinakes.

Descrizioni interne

1r-304r

Polybius, Historiae

Locus:
1r-304r
Autore:
Polybius, c. 205-c. 120 a.C. [internal]
Titolo supplito:
Historiae
Titolo uniforme:
Historiae (Polybius, c. 205-c. 120 a.C)
Nota:
(f. 1) liber I; (f. 62) lib. II; (f. 106) lib. III; (f. 180) lib. IV; (f. 234v) lib. V. F. 8 continens vv. νυ<κτὸς ἀνεχώρησεν - τη̃ς ἡμετέρας ἱστορίς ἀρχη̃> (I 11, 15-13,8) saec. XIV subpletum.
Lingua:
Greco.
Alfabeto:
Greco.
Fonte:
I. Mercati, P. Franchi De' Cavalieri, Codices Vaticani graeci, I: Codices 1-329, Romae 1923, p. 61.